Guarda, vedi, tocca, annusa, gusta la missione!

La Defunta Correa

Insieme al Gauchito Gil, la Difunta Correa è una delle devozioni "fai-da-te" più forti in Argentina. Con "fai-da-te" indico un tipo di devozione nata e sviluppata dal popolo, senza l'intervento della Chiesa Istituzionale. Se La caratteristica del Gauchito Gil è il colore rosso, che spadroneggia negli altarini costruiti dai suoi devoti, la particolarità della "Difunta Correa" è la presenza di bottiglie d'acqua, adesso, leggendo la sua storia, capirete il motivo...

Deolinda Correa, una donna di eccezionale bellezza, viveva nella provincia di San Juan, all'epoca dell'indipendenza dell'Argentina.
La donna, sposata, per scappare alle avances di vari pretendenti, scappa di notte con suo figlio di pochi mesi, e intraprende un viaggio per le valli aride del Cuyo. Estenuata, si lascia cadere alla penombra dei monti, e prima di morire di sete e fame, prega il Signore che le conceda il latte al suo petto, per salvare almeno suo figlio dalla disgrazia.
E così, quando passarono dei gauchos con il loro bestiame, videro una scena terribile: la madre, morta, e il figlio ancora in vita, succhiando al seno della donna.
Gli uomini le diedero una degna sepoltura, e quasi subito iniziarono i pellegrinaggi alla sua tomba.
Oggi c'è un vero e proprio santuario, al quale vengono i devoti della Defunta Correa, per chiedere aiuto o per ringraziarla della grazia ottenuta.
I fedeli/pellegrini portano ex-voto, costruiscono altarini per le strade, e le offrono bottiglie d'acqua, ricordando la sua morte per sete.
un pilone alla Defunta Correa con le caratteristiche bottiglie d'acqua
(foto scattata da suor Gabriella in Jujuy)
Vero o falso? Verosimile...
L'occhio indagatore di uno storico potrebbe dubitare della veridicità della vicenda, ma io non mi preoccuperei troppo, perché è molto probabile che storie di questo tipo siano, purtroppo, accadute.
Abusi di donne, morti per la sete e per il sole rovente del Cuyo (la regione in cui si trova anche Mendoza, una zona arida ed estremamente calda, quando fa caldo...) non sono fantascienza...
La Defunta Correa è stata la prima santa del popolo che ho conosciuto, leggendo un libro di devozione popolare. Quello che mi ha fatto pensare è come la gente abbia preso questa donna virtuosa ed eroica come un modello non troppo lontano dalla loro vita, fatta di difficoltà, di povertà... Una santa vicina a loro, perciò facile e sicura da invocare, perché ha vissuto anche lei le peripezie della vita.
Ma non è forse così anche per Gesù? L'incarnazione è il suo stare vicino e condividere in tutto la vita dell'umanità, fino alla morte...
Per la Defunta Correa vale il discorso fatto per il Gauchito: in un terra con una cronica scarsità di clero, la gente si arrangia e trova il suo modo per vivere la fede e sentire Dio vicino a sè.
La Defunta Correa La Defunta Correa Reviewed by abconsolata on 01:30 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.