Guarda, vedi, tocca, annusa, gusta la missione!

Estate Ragazzi: in cammino verso Betlemme....

Insieme, con gioia e speranza, ci siamo incamminati in una avventura… bellissima (come sempre!) ed entusiasmante! L’abbiamo chiamato così il nostro campamento: camino a Belén. E’ un po’ un’estate ragazzi ad hoc, ai 3.000 mt. sull’altopiano Andino, freddo nella notte e con il sole rovente al mezzogiorno.

al lavoro!
Dal 9 al 19 dicembre, dalle 9 del mattino cominciavano ad arrivare i bambini e le bambine, una quarantina, con gli occhi assonnati,  - ma ben presto molto svegli!- per iniziare le varie attività. Canti, giochi, e poi ciascuno con il suo quaderno, per colorare i diversi momenti che, dai Profeti all’Annunciazione, richiamano il cammino dell’Alleanza che Dio ha stabilito con il Suo Popolo. Ed Egli, fedele alle sue Promesse, invia Gesù, il Suo Figlio Amato, per rivelare ad ogni persona quanto è grande il Cuore del Padre. Ai bambini tutto questo suonava molto nuovo… ed allora ecco che,  con brevi filmati,  attraverso racconti animati, hanno imparato a conoscere il pastorello Aràn e, con il bimbo del tamburo, hanno percorso i sentieri della Palestina, fino a Betlemme. Era così bello vedere i volti dei piccoli, assorti e, senza fiatare, ben attenti a non perdersi nessuna immagine dei filmati!

suor Gabriella con le nostre piccole amiche
E poi ciascuno/a ha fatto il suo presepe di cartoncino, ritagliato con cura e incollato bene, per poi portarlo a casa. Le ragazze più grandi han dipinto su tela, con l’aiuto di Marcela, venuta da Poopò (Oruro) per darci una mano. Le ore correvano veloci… e a mezzogiorno il buon pranzo preparato da Tìa Saturna rinnovava le forze. Al pomeriggio poi, dopo le 5, quando già il sole era meno cocente, si pregava il rosario missionario, portando in processione il quadro della Consolata e con canti e preghiere, abbiamo chiesto al Signore il dono della pioggia, tanto tanto necessaria per le coltivazioni. 

il giorno di Natale, danza davanti al Presepe
A settembre era piovuto e i nostri contadini avevano seminato il granoturco, alimento fondamentale per la nostra gente. Ma poi venne una gelata che bruciò le piantine appena germogliate e la pioggia non giunse più. Allora era urgente che i bimbi pregassero forte; la Comunità infatti chiede ai bambini questo servizio: la preghiera per la pioggia. E poi, dopo ver giocato un po’, si faceva merenda e… a casa fino al giorno seguente.

la chiesa gremita il giorno di Natale con i bambini delle comunità limitrofe
Isaac, che dipinge bene, aiutava suo fratello Rafael, mentre Mary, di 2 anni, si divertiva con i giocattoli in un angolo del salone. Ariel si stancava presto di colorare i suoi disegni e si metteva a giocare in un angolo. Abbiamo atteso a lungo i più grandicelli (dai 10 anni in su) ma ci sono i greggi da portare al pascolo e questo è responsabilità dei ragazzi, al termine dell’anno scolastico. A sera li abbiamo incontrati, di ritorno dalla montagna: fin da piccoli sono impegnati nel lavoro per aiutare le loro famiglie.

presepio vivente. l'angelo porta l'annuncio a Maria
L’ultimo giorno del campamento abbiamo invitato le famiglie per festeggiare, anticipatamente, il Natale, con cioccolata e un dolce. I bambini e le bambine erano fieri di mostrare i loro lavoretti alla gente di Vilacaya che partecipò con gioia all’incontro.
E il giorno di Natale un gruppetto rappresentò il Presepe vivente, nella piazza del paese, per rallegrare i ragazzi e la gente venuta dalle Comunità montane, camminando anche 2 o 3 ore. Ogni personaggio recitò con impegno, come dono natalizio per gli altri bambini. E le autorità locali con alcune mamme, prepararono cioccolata e buñuelos, una specie di ciambella fritta.


i ragazzi seguono le scene del Presepio vivente

Mentre la gente ritornava alle proprie case, Isaac e Rafael ci chiesero: “hermanitas, quando cominciamo il prossimo campamento?” Ci siamo guardate (eravamo stanche sì, ma veramente felici) abbiamo fatto una bella risata e ci siam dette: “E se continuiamo per la Novena della Madonna  della Candelora, nostra Patrona?”.  Che Dio ci aiuti!!! Arrivederci a gennaio, dunque!

il coro angelico di Vilacaya :-)
Estate Ragazzi: in cammino verso Betlemme.... Estate Ragazzi: in cammino verso Betlemme.... Reviewed by Stefania Raspo on 01:00 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.