Guarda, vedi, tocca, annusa, gusta la missione!

Se son cactus fioriranno!

“Se son cactus fioriranno” e “Non c’è cactus senza spina”. Che ve ne pare di questa adattazione di due noti modi dire? Il cactus è la pianta caratteristica dell’altipiano andino: poca acqua, molto sole, il clima semi-arido è il regno di questo vegetale. Vivendo e convivendo con questo paesaggio, abbiamo imparato molte cose dei cactus, ed ora ve le racconterò…



Cactus: bello!
All’inizio e durante della stagione delle piogge i cactus si vestono di splendidi fiori: generalmente i colori sono forti (giallo, arancio) e a volte anche il profumo è intenso.
La foto che segue mostra un elegante e grande fiore (almeno 20 cm di diametro), che si distingue per i suoi colori delicati, che allo stesso tempo risaltano sulla pianta verde scura. La foto è del febbraio 2013.


Il churqui, l’arbusto spinoso tipico del paesaggio di Vilacaya, non è propriamente un cactus, ma si distingue per le sue numerose spine. All’inizio della primavera si riveste di foglie e si adorna di piccoli e preziosi fiori gialli.


Cactus: buono!
La pianta del cactus dà frutti che alle volte sono commestibili, alle volte hanno qualità medicinali. La “tuna” (il fico d’india) dà frutti dolcissimi e che fanno bene, mangiati a digiuno, alla salute.



Non solo i frutti, ma anche la pianta dei cactus è buona: le foglie della tuna si possono mangiare, e con il gel si può fabbricare un ottimo shampoo. Nella foto che segue, il cactus ritratto, quando è secco, dà un legno leggero e resistente, che la gente usa (oggi un po’ meno, un tempo con frequenza) per costruire le porte della casa e altri oggetti.  




E per finire... cactus: gigantesco!

Questo fiore dell'agave è alto per lo meno 3 metri, e troneggia nel pianoro che porta a Kepallo








Se son cactus fioriranno! Se son cactus fioriranno! Reviewed by Stefania Raspo on 01:30 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.