Guarda, vedi, tocca, annusa, gusta la missione!

Mamma missionaria

E’ stato uno dei regali più belli della mia vita: accogliere mia mamma nella missione di Vilacaya. C’è stata l’occasione di un gruppo di giovani della mia diocesi che venivano a fare la loro esperienza, e lei si è unita al gruppo. La cosa interessante è che non è stata solo una semplice compagna di viaggio, ma una vera e propria animatrice delle giovani: le chiamava per coordinare incontri, valigie, biglietti… Sì, la sua esperienza non è iniziata il 2 agosto, nell’aeroporto di Malpensa, erano mesi che stava preparando il tutto. Ha raccolto roba per bambini e ragazzi, che mamme amiche e amiche delle sue amiche hanno donato generosamente. E poi, tutto il lavoro di controllo di ogni vestito, perché solo quelli che meritavano potevano prendere il volo per la Bolivia: “Vabbè che sono poveri, ma non sono dei pezzenti!” mi commentava al telefono, riferendosi ai nostri piccoli.


Grazie a Dio, la sua salute non ha avuto nessuno sobbalzo per l’altitudine; il clima ha accompagnato, e così sia mia mamma Maria che io abbiamo potuto godere al massimo le tre settimane insieme. Mi faceva sorridere come, verso il termine del suo soggiorno, già iniziava a confondere italiano e spagnolo, pregando il Gloria al Padre e l’Ave Maria!

festeggiando il compleanno di mia mamma

E’ stato un tempo anche di turismo: il tour del Salar di Uyuni fino alla laguna Colorada e ai geyser ci ha viste trottare per migliaia di kilometri, ed arrivate a quasi 5000 metri, con il freddo terribile della mattina, davanti alla piscina naturale di acqua calda, è stata lei a dare il coraggio a tutto il gruppo, che per il freddo non trovava la forza per mettersi in costume da bagno. Una sensazione così speciale ci ha dato quel bagno, che l’abbiamo ringraziata più di una volta.
Dopo una settimana di turismo, si è chiusa nella stanza dei telai “Perché ho molto lavoro da fare” e di fatti ha cucito a macchina una settimana, fino allo stremo delle forze.



Un giorno, mi dice, con aria quasi stupita: "Ma sai che è la prima volta che sto fuori di casa tanto tempo!?" Una vacanza, la prima vacanza lunga, e la meritava tutta.
Questa è la mia mamma, e ne sono orgogliosa!


nelle mani di mia mamma: sfruttando l'effetto ottico
dell'assenza di campo nel Salar di Uyuni
Mamma missionaria Mamma missionaria Reviewed by Stefania Raspo on 01:30 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.