Guarda, vedi, tocca, annusa, gusta la missione!

Svegliatevi!

Si è tenuto a Roma, a fine settembre, il Primo Congresso Mondiale dei giovani consacrati. Anche se non siamo giovani (la baby ha 35 anni...), vi abbiamo partecipato in 9 suore missionarie della Consolata, e per nostra consolazione vi erano anche delle persone brizzolate che - almeno in apparenza - erano meno giovani di noi ;-)
A parte gli scherzi, questo evento ha radunato circa 5000 religiosi da più di 100 paesi del mondo. Il numero di congregazioni rappresentate era esorbitante, così come anche visivamente lo si notava da colori e forme d'abito che spaziavano dai tradizionali abiti degli ordini, al saio francescano, al moderno vestito in jeans e foulard delle suore spagnole di Iesu Communio, ai semplici indumenti borghesi, così pure i volti e le parlate rivelavano la multietnicità dei partecipanti.

Il titolo era: "Svegliate il mondo!" un'espressione che Papa Francesco ha rivolto ai consacrati. Ma per noi da subito il motto era: "Svegliatevi!", perché si partiva da Nepi prima delle sei della mattina e si ritornava a casa dopo le undici di sera.

le suore in jeans di Iesu Communio

I temi trattati sono stati i classici pilastri della vita religiosa: la chiamata di Dio, la sua relazione con Lui, la vita fraterna in comunità e la missione. Il giovedì abbiamo avuto l'incontro con un Papa Francesco stanco, ormai prossimo per spiccare il volo verso Cuba e USA, che non ha disertato l'evento e ci ha invitato ad uscire dal narcisismo, ovvero l'adorazione di sé stessi, per essere veri adoratori di Dio. Bella botta! Cosicché il consolatino: "Svegliatevi!" diventa un bel monito a tutti i religiosi, sulla bocca del nostro amato Pontefice. Nulla di nuovo, infatti, sappiamo bene che noi che viviamo senza una famiglia da far crescere, senza figli a cui volgere tutte le energie e gli affetti, il rischio di rimanere scapoloni e zitellone concentrate nel proprio mondo, c'è. La sfida è colta: uscire da noi stessi e scoprire un Dio e un mondo da amare, in fondo lo aveva già detto un Nazareno duemila anni fa: "I due comandamenti sono: ama Dio e il prossimo tuo come te stesso, in questo si riassume la Legge". E in una società narcisista come la nostra, la sfida per rispondere pienamente alla nostra vocazione, può anche diventare un segno alternativo contro la cultura dominante.

Papa Francesco davanti a 5000 giovani consacrati

Molto interessanti i "laboratori" del pomeriggio: circa un centinaio di gruppi, divisi per lingua, si sono sparpagliati per Roma e insieme abbiamo condiviso le esperienze personali, ma anche i sogni per la nostra vita consacrata. Proprio un bellissimo spazio! Tra l'altro, io che mi trovavo nel laboratorio IT50, ero in mezzo a tanti malgasci: "Ma come mai siete tutti qui voi del Madagascar?" chiede una suora. "E' perché in Madagascar quasi tutti i cognomi iniziano per Ra". E così, Stefania RAspo ha scoperto le sue radici profonde... in Madagascar, con il Principe Julian!!!!! (Mi piace perché muovi...). Nel gruppo c'erano tre contemplative, che ci hanno arricchito tantissimo con la loro esperienza di missione speciale, nella preghiera.

il laboratorio IT50




Svegliatevi! Svegliatevi! Reviewed by Stefania Raspo on 01:00 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.