Guarda, vedi, tocca, annusa, gusta la missione!

La giornata dell'amico

Gli argentini sono un popolo molto amichevole, così amichevole che ti fanno sentire subito a casa, e all'incontro con una persona sconosciuta si fa con tanta cordialità e serenità, che è facile rompere il ghiaccio e parlare come vecchi amici. Ma gli argentini soprattutto credono nell'amicizia, tanto da dedicarle una giornata. Il 20 luglio ci troviamo in Argentina per caso, o meglio: secondo agenda, ma per combinazione di date. E' la seconda giornata dell'amico che vivo qui, la prima è stata all'arrivo al paese, ma sinceramente non mi ricordo di come l'ho vissuta. Quello che ho nella mente risale ai vecchi tempi del noviziato, quando le argentine ci avevano omaggiato con un bel disegno di una mano con il mate e con gli auguri per la festa degli amici. Lì avevo già capito quanto ci tengono a questo giorno gli argentini. Ma quest'anno l'ho proprio goduta questa festa.

selfy a Luján

Esco con Maria Elena e andiamo al santuario di Luján per salutare la Madonna. E' una mattina molto fredda, ma con quelle albe che solo l'inverno può regalare. Il sacerdote nella Messa fa un riferimento costante alla presenza degli amici nella nostra vita. Dopo aver salutato l'amica e madre degli argentini, ritorniamo verso Buenos Aires con il pulman: già sono le dieci della mattina e nel percorso salgono al bus molte mamme con i figli e gente che - approfittando delle vacanze d'inverno - vive la giornata dell'amico incontrandosi con le persone care e approfittando per andare al cinema, mangiare pranzo insieme. Infatti, al mezzogiorno i ristoranti e fast food sono stracolmi. Noi ritorniamo a casa alle 14,30 circa, e qui la festa continua: c'è voglia di stare insieme, di augurarsi "Feliz dia", di prendere un mate insieme. Persino suor Enza e la sottoscritta, che siamo sempre indaffarate ciascuna nei propri lavori, ci sediamo tranquillamente e condividiamo la vita tra un mate e l'altro. Nel frattempo il telefona suona frequentemente, e persone amiche da tutta Argentina augurano una buona festa a tutte le suore, senza contare il "tin" dello smartphone che avvisa molti messaggi in whatsapp...

Quando sono arrivata a questa regione, ho percepito che la parola "amico" era molto frequente sulla bocca delle sorelle. Adesso ho capito che sono andate a scuola dalla gente, e hanno imparato - adesso anch'io - la bellezza e l'importanza dell'amicizia, o meglio: della buona abitudine di celebrarla.

A proposito, ho persino ricevuto un regalo...


La giornata dell'amico La giornata dell'amico Reviewed by Stefania Raspo on 01:00 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.