Guarda, vedi, tocca, annusa, gusta la missione!

Il primo annuncio del Natale

Secondo il Vangelo di Luca, i primi a ricevere la gioiosa notizia della nascita di Gesù Salvatore furono i pastori. Gente umile, lavoratrice, come lo sono i pastori della nostra zona; qui non si festeggia il Natale: generalmente la gente lavora duro come tutti gli altri giorni, da lunedì a lunedì. E se nella città è arrivato il Natale, ma decisamente mescolato ai traffici consumistici, nella campagna non è arrivato l’annuncio della nascita del Messia: ed eccoci qui, a dare il primo annuncio del Natale a un gruppo numeroso di ragazzi che probabilmente non sanno niente circa l’ albero di Natale, il presepio e i regali, e meno ancora di questo Dio che si fa piccolo nella capanna di Betlemme.


Quattro giorni di intenso lavoro con gli alunni di Sunchu Pampa, Villanueva, Molino Pampa e Muña C’asa: 150 bambini e ragazzi, dai 4 ai 14 anni, super attivi, super felici ed entusiasti per qualsiasi attività che las hermanitas proponevano loro. Per due giorni abbiamo avuto la presenza e la testimonianza di Nestor e Rosario, una coppia argentina di laici missionari della Consolata. Il gruppo degli insegnanti ha dato prova di molta dedicazione al lavoro e affetto verso i propri ragazzi.

al lavoro con Nestor e Rosario per preparare il materiale
Fa pensare come all’inizio dell’anno, arrivando a Sunchu Pampa, erano tutti così tristi per la mancanza dell’acqua, ed è stato davvero un anno duro questo: eppure la vita grida di gioia, nonostante tutto, nelle voci, corse e sorrisi dei nostri bimbi. Nelle loro risate a crepapelle mentre guardano “Shaun the Sheep”, nelle loro preghiere semplici e vere e negli abbracci che mi commuovono, pensando a quanto siamo cresciuti nella relazione: nel 2013, quando andavamo a Sunchu Pampa, nessuno apriva bocca, ci guardavano con circospezione e alla larga. E adesso è nata l’amicizia, la fiducia, la gioia di sentirsi ricordati e visitati (quanto profondo a volte è il senso di abbandono che sente la gente).

Nestor, che è diacono permanente, celebra la Liturgia della Parola
Concretamente, il nostro campo scuola in Sunchu Pampa era un cammino verso Betlemme: ogni ragazzo aveva una cartellina dove poco a poco inseriva dei disegni da colorare sugli eventi riguardanti il Natale, dalla promessa di Dio alla fuga in Egitto. Ultimo lavorone, un presepe da colorare, ritagliare e costruire: il Direttore ha detto agli studenti: “Quando arrivate a casa, fate vedere ai genitori il presepe, e spiegate loro che significa, così annuncerete la nascita di Gesù nella vostra famiglia”.
Siccome non piove ancora, e le riserve d’acqua ormai scarseggiano ovunque, siamo anche saliti su una collina a chiedere il dono della pioggia, gridando forte: “Agua, Tatay””, acqua, mio Signore! E proprio l’ultimo giorno, che sembrava si avvicinassero nubi nere, foriere di acqua, speravamo di concludere alla grande, con una bella doccia di sperata acqua. Ma niente, il vento antipatico ha portato via le nubi… speriamo che il grido preghiera dei nostri ragazzi arrivi fino al Cielo e che il Signore conceda pioggia alla terra assetata.


sulla collina, chiedendo il dono della pioggia
Come comunità, noi suore ci sentiamo veramente riconoscenti a Dio per un’esperienza tanto bella: alla sera arrivavamo a casa stanche morte, ma felici di essere stanche, felici per la felicità dei ragazzi e dei professori. Prendendo la ultima merenda, il Direttore Martyrian e alcuni prof lanciano una pietra nell’acqua: “Sarà che si può ripetere il prossimo anno?” la pietra cade nello specchio d’acqua e si formano cerchi che si diffondono, si espandono, e arrivano al nostro cuore… 

presepe vivente
Finito il campo scuola, il venerdì riprendiamo - più o meno collassatre - le nostre attività normali, e il sabato andiamo come sempre al mercato. I bambini del campo scuola che incontriamo, ci corrono incontro e ci abbracciano. Le mamme ci chiedono: "Voi eravate a Sunchu Pampa? Mio figlio è arrivato tutto felice a casa...". Siamo famose. O meglio: il campo scuola è entrato nella storia, nella storia di ciascuno di questi piccoli, tanto amati dal Signore. 
Il primo annuncio del Natale Il primo annuncio del Natale Reviewed by Stefania Raspo on 01:00 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.