Guarda, vedi, tocca, annusa, gusta la missione!

Ubriaca per amore



Sabato di tentazioni: il primo sabato di Quaresima è pieno carnevale qui in Bolivia. La comunità di Vilacaya tradizionalmente si ritrova nell’installazione delle pompe dell’acqua per chiedere alla Pachamama di non farci mancare l’acqua per tutto l’anno, e che le pompe non si rompano...
Ho preparato un “ají de fideo” con pasta, pollo e verdurine. Il risultato ottico è invitante, e mi sento orgogliosa di aver preparato un piatto delizioso come fanno le nostre donne. Avvolgo la pentola nell’aguayo, secondo gli usi della mia gente, e con suor Mercy e Muriel e Nadia andiamo al fiume.


C’è già abbastanza gente e hanno già ch’allato la pompa: l’hanno adornata con stelle filanti e coriandoli, e il pavimento è già bagnato per le bevande che la gente ha offerto.
Subito iniziano a darci chicha e liquore. Per principio accetto tutto: ogni famiglia offre ed io butto giù, naturalmente dopo aver condiviso con la Pachamama. Al decimo bicchiere, inizio a preoccuparmi. L’ equilibrio non è più così facile, ed inizio ad avere le parole che normalmente non mi escono facilmente dalla bocca. Ma non perdo il controllo. 
La gente prepara il fuoco e poi mette sulla brace l'offerta alla Madre Terra: "Lascia che la Pachamama mangi tranquilla!" dice una signora a un uomo un po' ubriaco che vorrebbe togliere una brace per accendere dei petardi. 

offerta alla Pachamama
Finalmente iniziamo a distribuire il cibo: ogni pentola serve a ciascuno, e quest’anno la dose è perfetta: riusciamo a condividere con tutti. Con lo stomaco che si riempie, anche l’effetto dell’alcol diminuisce. Quando già il sole inizia a nascondersi dietro la montagna, ce ne andiamo, salutando tutti e cercando di arrivare alla casa. Ce la facciamo. Ubriaca per condividere con la gente. Ubriaca d’amore per questa mia gente.

Ubriaca per amore Ubriaca per amore Reviewed by Stefania Raspo on 01:30 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.