Guarda, vedi, tocca, annusa, gusta la missione!

Una splendida gita di lavoro

La Provvidenza è una buona economa, che non fa mancare il necessario ai suoi figli, e alle volte si rivela pure un’ottima manager, che gestisce il tempo per il bene dei più piccoli. Da tempo era nostro desiderio visitare le scuole rurali del nucleo di Uvila, e proprio l’unico giorno senza impegni, si è rivelato pure un giorno libero per la mensa in Vilacaya, cosicché siamo andate in visita tranquille, come chi va in gita di piacere.

Un giorno di viaggio su strade sterrate, alle volte strette e piene di curve, di saliscendi continui, attraversando canyon, costeggiando valli, con paesaggi mozzafiato sotto un cielo azzurro e un sole splendido.


Il Direttore di Uvila, Gabriel, ci aspettava alle 8,00 all’incrocio per Parota con la sua moto: insieme a lui abbiamo visitato dapprima le due scuolette di questa valle: Parota e Karariri. Ormai gli alunni sono pochi, qui la migrazione si fa sentire, e la causa principale è la mancanza di acqua. I bambini, dapprima timidi, poco per volta si sciolgono, soprattutto dopo aver ricevuto un chupa chupa e cantato due bans. Dai loro visi, dai vestiti che portano le signore che ci servono una deliziosa k’alapurka, si tratta di gente molto umile. Ma la gioia è grande nell’incontro, e la voglia di visitare con frequenza questi piccoli – i più piccoli, tanto amati dal Signore –cresce in noi.


Ritorniamo all’incrocio di inizio giornata, e proseguiamo questa volta per Uvila, dove tutti ci ricevono trionfalmente, in realtà ci dà un po’ di vergogna tanto onore, ma sappiamo che è espressione di amore e riconoscenza per l’appoggio che diamo alla scuola da un paio di anni. La pancia già è piena, ma qui ci aspetta un pranzo con i fiocchi, che condividiamo con tutti “Mangiamo tutti dalla stessa pentola” ci dice il Direttore, e sappiamo che dice la verità. Da un anno il centro educativo di Uvila accoglie 20 studenti da lunedì a sabato, coloro che vivono più lontano e dovrebbero camminare varie ore per arrivare alla scuola (e oggi ci spiegano che in tempo di pioggia interrompono la frequenza, a causa del sentiero impraticabile).

accoglienza trionfale di Uvila
Continuiamo il nostro viaggio di lavoro, che è piacevole come una gita, anzi: è una gita di lavoro, chiacchierando con Gabriel sulla situazione della zona, molto povera, sulla vita dura del maestro di campagna, sulla sua vita e sulla sua famiglia. In circa mezz’ora da Uvila arriviamo a Tocorpaya, dove i bambini ci aspettano da diverse ore: quando vedono la jeep, entrano di corsa nel recinto della scuola e ci ricevono in fila, anche loro con un’accoglienza festosa e affettuosa. Sono bambini molto vivaci, così come lo sono i due maestri, marito e moglie, che sicuramente hanno contagiato con la loro gioia comunicativa anche i piccoli del posto. Questa volta sono i bambini che ci coinvolgono in bans e canti, nel campo da basket. Anche qui una deliziosa k’alapurka ci aspetta, preparata con amore dalle mamme. “Siamo così felici della vostra visita, è tanto tempo che desideriamo incontrarvi!” e per noi è una gioia visitare! Anche qui programmiamo con i maestri alcune attività. Partiamo da Tocorpaya che sono già le 15,00: passiamo alla casa paterna del Direttore, salutiamo sua mamma che ci dà una borsa di Mocochinche (pesca essiccata con la quale si prepara una bevanda speziata), quindi arriviamo a Tañavillque pensando di non trovare più i ragazzi, che invece ci avevano aspettate. Visita veloce, perché l’11 è già fissato il nostro incontro con questa scuola, il cui maestro è una vecchia conoscenza: il professor Olimpo che lavorava prima in Chimola.

foto di gruppo e Mocochinche
Arriviamo alla strada asfaltata quando il sole inizia a nascondersi dietro la cordigliera. Siamo stanche, pure il Direttore, ma molto felici di queste visite a comunità poco visitate, ma desiderose di esserlo. Ringraziamo il Signore che ci guida sui suoi sentieri, all’incontro dei suoi piccoli. Già nella mente e nel cuore nascono mille desideri per il bene dei ragazzi e delle comunità… se tutto andrà bene, in ottobre avrete notizie di cose belle…
Una splendida gita di lavoro Una splendida gita di lavoro Reviewed by Stefania Raspo on 01:00 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.